Il Forum LES Italia è aperto ai contributi degli associati ed ha lo scopo di informare, coinvolgere e rendere tutti partecipi alla vita di LES Italia e di LES International. In concreto, possono trovare spazio, ad esempio, la sintesi dei convegni organizzati dalla nostra associazione, la diffusione di notizie di particolare rilievo, la pubblicazione di articoli, considerazioni, suggerimenti, segnalazioni, approfondimenti, svolti a cura d’ogni associato che intenda proporne la pubblicazione.

Maggiori informazioni sugli obiettivi e sulle modalità di funzionamento del Forum LES Italia sono disponibili al seguente link.

CONSULTA GLI ARTICOLI DEL FORUM LES ITALIA

RIVALUTAZIONE DEI BENI D’IMPRESA NEL BILANCIO AL 31.12.2021

,

Com’è noto, l’art. 110 del Decreto Legge n° 104 del 14.8.2020 aveva previsto la possibilità di rivalutare i beni d’impresa (compresi gli asset IP) esistenti nel bilancio al 31.12.2019. L’art. 6-bis del Decreto Legge n° 23/2020 e l’art. 1-bis, comma 1, del Decreto Legge n° 41 del 22.3.2021, ne hanno parzialmente riaperto i termini.

Autore: Andrea Vestita, Syntagma Dottori Commercialisti Associati

ABOLIZIONE DEL PATENT BOX E INTRODUZIONE DELLA SUPERDEDUZIONE DELLE SPESE R&S

,

Con l’art. 6 del Decreto Legge n° 146 del 21 ottobre 2021 il Governo ha soppresso il cd. Patent Box, consistente in una detassazione degli utili derivanti da sfruttamento degli asset IP, sostituendolo con una nuova misura agevolativa considerata più semplice e alla portata di tutte le categorie di contribuenti.

Autore: Andrea Vestita, Syntagma Dottori Commercialisti Associati

IL FENOMENO DELLE ANTI-SUIT INJUNCTION E LE SUE IMPLICAZIONI EXTRA-TERRITORIALI

, ,

Nel 2020, la Corte Suprema del Regno Unito nel caso Unwired Planet v. Huawei ha emesso una sentenza storica, determinando per la prima volta il valore di una royalty FRAND da pagare a livello globale per un portafoglio di brevetti SEP. Tale decisione ha aperto un’accesa discussione su quale tribunale nazionale fosse legittimato a definire tale tasso di royalty. In particolare, i tribunali cinesi, che regolano il più grande mercato di beni di consumo e dove hanno sede la maggior parte delle società produttrici, non solo si sono sentiti autorizzati a farlo, ma hanno anche iniziato ad emettere delle ingiunzioni extra-territoriali (ASI – Anti-Suit Injunction) per impedire ad altri tribunali nazionali di esprimersi, generando notevoli perplessità sulla legittimità di tali azioni.

Autore: Valentina Piola, Sisvel SpA

ECCEZIONI ALLA TUTELA AUTORIALE DEL SOFTWARE: LA CORTE SUPREMA DEGLI STATI UNITI CHIARISCE QUANDO L’UTILIZZO DEL CODICE DI UN SOFTWARE IN ASSENZA DI LICENZA COSTITUISCE FAIR USE

,

Con sentenza del 5 aprile 2021, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha posto fine alla lunga battaglia legale tra Oracle America Inc. e Google LLC, riconoscendo lecito, in quanto costituente fair use, l’utilizzo da parte di quest’ultima del codice del software Java SE di titolarità della Oracle per sviluppare il sistema operativo per smartphone Android.

Autori: Avv. Dario Paschetta, ll.m. lse e Avv. Maria Grazia Berardo, Studio Frignani Virano e Associati

La contraffazione di marchio e la responsabilità di gestori di market place “ibridi” alla prova della Corte di Giustizia.

,

La questione della responsabilità dei gestori dei marketplace online rispetto ad annunci di vendita di utilizzatori della piattaforma che recano segni identici o simili a marchi registrati di terzi senza la loro autorizzazione è destinata ad arricchirsi di nuovo capitolo. È notizia di queste settimane, infatti, che nel mese di marzo del 2021 il Tribunale distrettuale del Gran Ducato del Lussemburgo, nell’ambito di un procedimento che vede contrapposti Louboutin – titolare del famoso marchio rosso (Pantone 18-1663TP) – contro alcune entità del gruppo Amazon, ha presentato una serie di questioni pregiudiziali alla Corte di Giustizia (C-148/21).

Autore: Avv. Dario Paschetta, Frignani Virano e Associati – Studio Legale

Riflessioni sul marchio di fatto

,

Nel nostro ordinamento è previsto un sistema binario di costituzione del marchio tramite registrazione o uso. La scelta di registrare il marchio comporta un costo che all’atto del deposito il titolare deve sostenere, ma conferisce certamente un vantaggio sotto il profilo della competitività e della certezza giuridica rispetto all’opzione dell’uso.

Autore: Avv. Emidia Di Sabatino, The Legal Match